Lambretta Club Teste Cromate S.C.
Lambretta Club Teste Cromate S.C.

Lambretta Club Teste Cromate S.C Savignano sul Rubicone

L'idea del Lambretta Club nasce dal Nostro Presidente Christian Gentilini che stufo di partecipare a tanti raduni in forma anonima e soprattutto constatando che in zona non esistevano Lambretta Club degni di nota si è rimboccato le maniche ed insieme ad uno sparuto pugno di amici ha fondato e creato un gruppo sinergico compatto e deciso dove la parola d'ordine è LAMBRETTA.

Non ci consideriamo un Club tradizionale, non vogliamo affiliazioni che non ci appartengono non vogliamo ideologie politiche e nemmeno fedi sportive, ci accomuna il nostro mezzo e lo stile che ci contraddistingue.

Se anche tu vuoi aderire al nostro Club contattaci abbiamo sempre un posto libero per condividere la pura passione Lambretta!

Arthur Francis “S” type

Quest’anno ricorre il 50’ anniversario della Lambretta S-Type del noto rivenditore inglese degli anni ’60 Arthur Francis, il quale diventò molto famoso per la sua Lambretta “S” type, che prevedeva vari stadi di elaborazione ed una verniciatura a due colori. Le Lambrette si distinguevano da un fregio a “S” provenienti dalle Cooper S, versioni sportive della Mini, che venivano poste sullo scudo e sulle fiancate.

Come si può immaginare questi mezzi se pur simili erano personalizzati su misura dalla AF su commissione dai vari acquirenti, alcuni puntavano meno all’aspetto estetico e richiedevano un mezzo derivato dalla pista con notevoli velocità di punta rapportate all’epoca, altri hanno speso il loro denaro per apportare anche modifiche estetiche come l’aggiunta di fari Lucas  Pathfinder con comandi luce modificati dall’interruttore LI terza serie, per illuminare le strade buie di campagna ed il contamiglia Smiths una vera chicca!

Personalmente trovo il sound del connubio marmitta Clubman e carburatore maggiorato, unico e distinguibile con un fascino retrò che solo una “S” type può rendere.

Spesso si montava anche l’affascinante reverse pull, un kit per far funzionare il freno a disco meccanico anteriore in maniera rovesciata con il notevole miglioramento in frenata anteriore.

Oggi esistono molti appassionati di questo modello esclusivo che veniva preparato su base SX 200 SX 150 TV 200 ed alcune versione su base DL, mettendomi nel gruppo di estimatori e possessori di “S” type credo di poter dire che l’emozione di guidare e possedere una di queste lambrette sia unica e ci si catapulta verosimilmente in un’epoca unica e non replicabile.

Christian Gentilini

Lambretta Club Teste Cromate

Il PARKA

Il PARKA nasce nel 1951 come impermeabile per le truppe americane impegnate nella guerra di Corea con il modello M-51.
Verrà prodotto fino al 1956 (nonostante la guerra finisca 3 anni prima).
A cavallo tra i 50’s e i 60’s vari stock di parka arrivano in Inghilterra nei negozi di abbigliamento militare a prezzi abbordabili.
I MODS lo adottano come capo di abbigliamento che nel tempo diventerà un elemento distintivo dell’estetica mod al pari degli scooters accessoriati.
Il parka concilia(va) alla perfezione la necessità di proteggersi nelle lunghe stagioni fredde e umide inglesi durante gli spostamenti in scooter, preservando l’incolumità dei completi destinati ad essere sfoggiati nelle serate nei clubs.
Nella consuetudine di personalizzare ogni aspetto estetico (etico e culturale) della lro vita i mods aggiungevano spesso scritte, pezze, ornamenti in pelliccia. Aspetto accentuato durante il revival del 1979.
Recentemente Liam Gallagher e la sua casa di moda “Pretty Green” ne ha commercializzato le caratteristiche producendone nuovi modelli.

Comprai il mio alla fine dei 70's in un negozio di usato militare, "Surplus" sui Navigli a Milano. 

Essere Mod

Mod non si nasce, non si diventa: Mod si scopre di esserlo. Chi è mod lo è per la vita e non per un certo periodo di tempo. Alcune persone hanno creduto di essere mod, vuoi perché volevano provare qualcosa di diverso, vuoi per curiosità o semplicemente perché non avevano niente da fare, ma non essendolo sono sparite presto dalla scena.Il nostro aspetto pulito e sobriamente elegante ci permette di entrare nel sistema ed essere accettati, senza comunque farne realmente parte, ed avendo cosi la possibilità di combatterlo dall'interno.

Il mod è come un cavallo di Troia che, piazzato all'interno della società, riesce a vivere in modo veramente libero da schemi, mode, consumismo guidato, senza però il pericolo di essere ghettizzato e sconfitto.L'atteggiamento distaccato e freddo nei confronti di chi non si conosce, è una difesa comportamentale, necessaria per non correre il rischio che un'immediata "apertura" ed esternazione dell'idea mod, possa portare ilarità sull'argomento da parte di chi, ostile, si sente "sicuro", della protezione data dall'anonimato in cui vive, grazie al completo allineamento alla società.

Mod è essere qualcuno per quello che si è non per quello che si ha, non solo a livello sociale, ma anche dal punto di vista estetico, arrivando a far propria un'eleganza ricercata ma semplice nella sua esasperazione, ben diversa da quella dei modaioli firmati, veri o falsi che siano. L'estrazione sociale di chi è mod è solitamente bassa, salvo rarissime eccezioni che confermano la regola.Si è mod anche in mezzo a persone che non lo sono, vivendo coerentemente con la propria filosofia. Un mod è parte del tessuto sociale e a scuola o sul lavoro difficilmente si trova a contatto con altri mods, ma non per questo in quegli ambiti cambia il suo essere interiore ed esteriore.

Chi è mod non ha bisogno di essere capito, ed è già sicuro delle proprie idee, vuole però il massimo rispetto per ciò che è, sicuro di valere molto perché ha trovato la sua giusta dimensione esistenziale.I soldi non sono mai un fine, ma un mezzo che permette di pagare vestiti, scooters, viaggi, trasferte oltre alle normali spese quotidiane, di ogni essere che vive nel mondo occidentale (e non solo).

Chi è mod rifiuta la massificazione, questo non significa credersi superiori agli altri o disprezzare chi non è mod, ma solo orgoglio e consapevolezza di essere diversi.Sulla copertina del disco "Quadrophenia" il modernismo viene definito come un'aforisma per affrontare con stile e al meglio le situazioni difficili.
Mod e la risposta vera, concreta e spontanea ad un sistema che non piace e che si cerca di sfruttare invece di essere sfruttati.

Il modernismo è antitetico al razzismo, all'autoritarismo e alle divise. Pur nascendo in Inghilterra prescinde da ogni ubicazione geografica o caratteristica etnica e lo si può vivere in qualsiasi epoca storica o sotto qualsiasi ordinamento politico in ogni luogo della terra.

Contatti

Contatti:

 

Tel:

3927847978

 

Mail to:

secondaserie@yahoo.it

 

christiangentilini@lambrettaclubtestecromate.it

Marco Pennesi RLC
Isabella Antonioli RLC

ROMAGNA

SX… Perfection?

Articolo sulla Lambretta del nostro Presidente Christian Gentilini

 

https://lambrettista.net/2013/07/06/sx-perfection/

Raduno ufficiale del Club
Inserisci un URL per riscuotere.
Stampa Stampa | Mappa del sito
© Lambretta Club Teste Cromate S.C. Via Caduti sul Lavoro 38 47039 Savignano sul Rubicone FC