Lido di Savio RA
Lido di Savio RA
Lambretta Club Teste Cromate S.C.
Lambretta Club Teste Cromate S.C.

Storia

La Lambretta era uno scooter italiano prodotto dalla industria meccanica Innocenti di Milano, nel quartiere Lambrate, dal 1947 al 1972. Il nome "Lambretta" deriva dal fiume Lambro, che scorre nella zona in cui sorgevano proprio gli stabilimenti di produzione.

Nel 1922 Ferdinando Innocenti di Pescia diede vita ad una fabbrica di tubi d'acciaio a Roma. Nel 1931 spostò tutti i propri affari a Milano, costituendo proprio nel quartiere Lambrate la più grande fabbrica di tubazioni d'acciaio senza giunti.

Durante la seconda guerra mondiale, la fabbrica fu bombardata e completamente distrutta. Innocenti, nell'attesa di riacquisire da parte degli Alleati gli stabilimenti di Milano, diede vita nella Capitale allo studio del prodotto che avrebbe costituito la riconversione post-bellica della fabbrica: infatti, prendendo ispirazione proprio dai motorscooter militari americani giunti in Italia durante la guerra, e comprendendo le nuove necessità di motorizzazione utili alla popolazione nell'immediato dopoguerra, decise di dedicarsi alla produzione del rivoluzionario scooter.

Affida il design del nuovo veicolo ad una straordinaria accoppiata di ingegneri aeronautici: Pier Luigi Torre, che si occupa della meccanica, (lo stesso che aveva creato i motori dell'idrovolante Savoia-Marchetti S.55A della trasvolata atlantica di Italo Balbo) e ricostruisce gli stabilimenti milanesi, e Cesare Pallavicino che era stato il direttore tecnico prima della Breda fino al 1935 e poi della Caproni, che si occupò del telaio e del design. Nel 1947 lo scooter, battezzato Lambretta da Daniele Oppi, è pronto e viene lanciato sul mercato.

L'enorme successo non solo nazionale fece sì che la Lambretta, nei quasi 25 anni di produzione, venisse costruita su licenza anche in Argentina, Brasile, Cile, India e Spagna. La Innocenti produsse, sulla base della meccanica dello scooter, anche una serie di motocarri che, inizialmente denominati anch'essi Lambretta, ebbero poi il nome di Lambro.

Con il boom economico esploso in Europa Occidentale verso la fine degli anni sessanta la richiesta degli scooters ebbe un calo, mentre l'automobile era ormai alla portata di tutti; la Innocenti dovette quindi lottare per sopravvivere finanziariamente. La "British Motor Corporation" (BMC) approfittò delle sue difficoltà finanziarie e nel 1959 con la sua esperienza di produzione propose un contratto alla Innocenti per produrre di una berlina dell'Austin di 900 cm³, la A40 su licenza della "BMC" con i componenti forniti dalla BMC, la Innocenti Mini. Successivamente vennero prodotte anche altre automobili, ma anche con queste altre azioni di mercato, l'azienda chiuse la produzione nel 1971.

Il governo indiano comprò la catena di montaggio della Lambretta nel 1972, essenzialmente per le stesse ragioni per cui Ferdinando Innocenti l'aveva costruita dopo la guerra: l'India all'epoca era un paese con poche infrastrutture e non era ancora pronta economicamente per produrre piccole automobili dedicate al trasporto privato. La SIL (Scooters of India Limited), con sede a Lucknow nell'Uttar Pradesh, fu l'impresa di proprietà statale che cominciò la produzione un paio d'anni dopo l'acquisto, continuando la costruzione della Lambretta originale sino al 1997.

Caratteristiche

Come la Vespa, anche la Lambretta aveva un motore a due tempi funzionante a miscela di benzina e olio, 3 o 4 marce, con una cilindrata che variava dai 39 ai 198 cm³.

Diversamente dalla Vespa, che è stata costruita con un telaio costituito da un solo pezzo, la Lambretta aveva una struttura tubolare più rigida su cui veniva assemblata la carrozzeria. I primi modelli prodotti presentavano la caratteristica della "carrozzeria scoperta", distinguendosi quindi totalmente dalla Vespa (totalmente carenata), diventando il tipico segno di riconoscimento dello scooter milanese. Comunque i successivi modelli prodotti, esattamente dal modello C del 1950, furono presentati anche in versione carenata; proprio questo modello, criticato dalla rivale Piaggio per la somiglianza concettuale con la Vespa, ebbe un gran successo tanto che dal 1957 in poi, escludendo il modello LUI, la Lambretta fu sempre prodotta con carrozzeria "chiusa". Altra sostanziale differenza rispetto alla Vespa sta nella collocazione del motore. Nella Lambretta era disposto in posizione centrale, diversamente dalla concorrente che presentava il motore disassato sul lato destro del motociclo.

Alla fine degli anni cinquanta, contestualmente alla scelta di carrozzeria solo "chiusa", la Lambretta viene rivista nella meccanica e nella carrozzeria, e passando per tre versioni (le serie LI), si arrivò nel 1962 ad ottenere il modello (LI III serie, "scooterlinea") che poi, con pochissime modifiche estetiche, arrivò ad essere prodotto fino al 1972 (Lambretta DL), anno in cui la catena di montaggio fu venduta al governo indiano. Dei modelli degli anni 60, i modelli TV (Turismo Veloce) e SX (Special X) sono generalmente i più richiesti e desiderati, un successo dovuto alle loro prestazioni maggiorate e al lookraffinato. Il modello TV fu il primo scooter al mondo a montare i freni a disco anteriori. Vespa e Lambretta potevano essere modificate facilmente; molti modificavano e tuttora modificano questi scooter "customizzandoli" con specchietti supplementari, elaborandoli, pitturando la carrozzeria, o personalizzandoli in altri modi, tutto ciò anche alla luce della filosofia culturale Mod's inglese nata negli anni sessanta e ancora in voga presso il Regno Unito, che fece degli scooter italiani il mezzo simbolo della rivoluzione culturale giovanile di quegli anni.

Oggi la Lambretta è un oggetto da collezionisti, spesso impegnati nel restauro con ricambi originali. Un'innumerevole quantità di Lambretta Club sparsi in tutto il mondo conserva ed alimenta il mito di questo storico scooter che, assieme alla Vespa, rappresenta inevitabilmente un'icona dell'Italia degli anni cinquanta e sessanta.

Record

Nel 1948 Luigi Innocenti, figlio del fondatore dell'omonima fabbrica, lancia lo sviluppo di una versione speciale della Lambretta per poter realizzare record nella classe 125 cc. Il modello presentava una sezione posteriore del telaio realizzata con tubature leggere per contenere il peso, un serbatoio ingrandito posto tra le gambe del conducente per migliorare la durata complessiva della marcia, un nuovo carburatore ingrandito, una marmitta rimpicciolita e un motore con rapporto di compressione più elevato dotato di trasportatore dinamico in alluminio per migliorare il raffreddamento del motore. La sua velocità massima è di appena 5300 giri/min, relativamente bassa per uno scooter da pista, ma ciò non preclude l'ottenimento, l'11 febbraio 1949, di ben 13 record sulla strada di collegamento tra Roma e Ostia, nove nella classe 125 cc a quattro velocità e quattro nella classe di fino a 175 cc. Poco tempo dopo, la Lambretta viene modificata per stabilire nuovi record di durata.Viene creata un'apposita scatola aerodinamica per il faro anteriore, mentre il nuovo carburatore viene reimpostato per produrre un mix regolabile che compensa gli sbalzi di temperatura fra il giorno e la notte. La prova si svolge su circuito francese di Montlhéry nel mese di marzo e porta all'ottenimento di altri 33 record mondiali grazie ai piloti Masetti, Brunori e Rizzi. Nemmeno un mese dopo, sul medesimo percorso conquista anche il record di durata sulle 48 ore e all'inizio del 1950 se ne aggiudica altri 6.

Nello stesso anno, dal momento che la Piaggio aveva realizzato una propria versione aerodinamica della Vespa, la Innocenti decise di adeguarsi per rimanere competitiva. La nuova Lambretta è caratterizzata da un profilo ovale appiattito ai lati, con un parabrezza ampio e una coda posteriore allungata. Portata in pista dal 27 settembre al 5 ottobre 1950, la nuova Lambretta aerodinamica conquista 22 record mondiali, azzerando i progressi fatti dalla concorrente Piaggio. Questo stesso modello viene modificato da Pier Luigi Torre per tentare di conseguire alcuni primati di velocità nella categoria 125 cc. La carenatura viene semplificata e vengono aggiunte delle condotte d’aria anteriori. Il motore è supercompresso mediante un compressore volumetrico che aumenta la potenza a 16 cv a 9000 giri/min. Tale compressore viene però rimosso a causa di problemi di affidabilità, ma ciononostante i piloti Ferri e Poggi ottennero un primo record di 195 km/h sul circuito di Montlhéry e successivamente il primato dei 200 km/h sull'autostrada tra Monaco e Inglostadt.

Lambretta Storie di Record……..

Le storie di Uomini e Record non sono certo nuove agli Italiani, negli anni “50 Storie di Record sono raccontate affianco ai nomi di; Taruffi, Mollino e Ferri.………

Quest’ ultimo lo si ricorda per i record ottenuti “all’ interno” della sua Lambretta-Record, una “Streamliner” fatta di lamiera, gomma e plexiglass. Nel 1951 Romolo Ferri aveva già ottenuto in terra Francese un record raggiungendo una velocità di 195,8 Km/h, ma il desiderio di superare il muro dei 200 Km/h spinge tutto il Team Innocenti capitanato dall’ Ing Pierluigi Torre a Monaco di Baviera “Germania”, dove l’ 8 Agosto 1951 nel tratto “autostradale” che da Monaco portava a Ingolstadt Ferri lancia laLambretta-Record a tutta velocità. Per la categoria Scooter la diretta rivale è la Vesta-Torpedo ma Ferri con coraggio e determinazione batte “tutti” i record compreso il suo personale alla velocità di 201 Km/h.

Questo record porta la giusta ricompensa agli Uomini Innocenti elite nel motorismo Italiano degli anni “50……… Come oggi ?? Bhe oggi sponsorizziamo solo campionati per fighi ma non sono Storie di Record…… 

Bear”34

Foto da; http://megadeluxe.com

 

 

La Lambretta ANCILLOTTI

Dopo la pausa kart, Gualtiero passò alla Lambretta Innocenti. I fiorentini ricorderanno le sfide tra la Lambretta Ancillotti e la Vespa truccata da Gori. Non contenti dei lusinghieri risultati ottenuti, gli Ancillotti decisero di preparare una Lambretta "particolare". Il 2 dicembre 1965 gli Ancillotti "provarono" a Monza una Lambretta generosamente truccata. Si trattava di una 175 TV portata a 202 cc. Alberto Ancillotti ed Italo Musolino ( secondo pilota ), dopo varie prove, ottennero i seguenti risultati : sul km con partenza da fermo Musolino ottenne 29"7/10 pari ad una velocità di kmh 121,212. Alberto percorse il quarto di miglio da fermo in 14"8/10 pari ad una velocità di 97,875.
Nel novembre del 1966, caricata la famosa Lambretta  sul tetto della  Fiat 600, i fratelli Ancillotti partirono alla volta di ELVINGTON (GB) per stabilire il record di velocità sul quarto di miglio con partenza da fermo (15"129 media 96,500kmh)  e sul km lanciato con partenza da fermo (29"343 media 122 kmh). Ecco alcuni dati ricavati da Motociclismo : alesaggio 66,4; corsa 58; cilindrata 202 cc; diagramma di distribuzione modificato; testa a turbolenza con pianta a goccia; rapporto di compressione 10,5; carburatore Dell'Orto SS 35B; potenza dichiarata 28 cv a 8000 rpm; alimentazione benzina super ed olio al 6%; volani elaborati e lucidati; scarico con diametro maggiorato; marmitta ad espansione; rapporti di trasmissione della 175 TV; forcella modificata e dotata di due ammortizzatori di sterzo telescopici; carenatura in lamiera di alluminio battuta a mano. Dopo i record vennero commercializzate le "cassette di trasformazione" e furono approntate alcune Lambretta ("ufficiali" della Scuderia Ancillotti) kittate da "REGOLARITA'" . Piloti ufficiali della Scuderia Ancillotti furono Massai, Cozzi, Alberto e Piero Ancillotti. Eravamo agli albori del fuoristrada.

Le ultime foto mostrano la Lambretta del Record come è oggi. Il mezzo è sempre di proprietà Ancillotti.

Scooter & Lambretta museo

Contatti

Contatti:

 

Tel:

3927847978

 

Mail to:

secondaserie@yahoo.it

 

christiangentilini@lambrettaclubtestecromate.it

Marco Pennesi RLC
Isabella Antonioli RLC

ROMAGNA

SX… Perfection?

Articolo sulla Lambretta del nostro Presidente Christian Gentilini

 

https://lambrettista.net/2013/07/06/sx-perfection/

Raduno ufficiale del Club
Inserisci un URL per riscuotere.
Stampa Stampa | Mappa del sito
© Lambretta Club Teste Cromate S.C. Via Caduti sul Lavoro 38 47039 Savignano sul Rubicone FC